Hotel Patriarchi ad Aquileia

Scegli di visitare Aquileia. Vieni a scoprire questa perla del Friuli Venezia Giulia.

Aquileia, città patrimonio dell'UNESCO, è un meraviglioso luogo denso di storia e cultura: il luogo ideale, come punto di partenza o di arrivo, per i turisti affamati di "sapere".

La città di Aquileia è uno dei luoghi di maggior rilievo ed importanza nella storia del Friuli Venezia Giulia e dell'Italia.

Prima Colonia e porto romano, Aquileia svolse il ruolo di città di riferimento del primo cristianesimo divenendo, in epoca medievale, la sede del patriarcato e centro politico, culturale e religioso della zona.

Dove per oltre un millennio sono stati ospitati ed hanno soggiornato patriarchi, imperatori, nobili e viandanti di tutte le etnie d’Europa, si mantiene la tradizione dell’ospitalità e dell’accoglienza grazie al lavoro ed all’intraprendenza di una famiglia, che nel solco di quella tradizione e della storia di questo territorio, ha chiamato il proprio hotel “Patriarchi”.

Anno 568: nasce il Patriarcato di Aquileia, la più grande diocesi cristiana d’Europa con i suoi confini che andavano dal Balaton al Danubio, dalla Baviera alla Lombardia, dal lago di Costanza al lago di Como.

Anno 1990: nasce l’Hotel Patriarchi per accogliere ospiti giunti ad Aquileia dalle antiche terre del Patriarcato a scoprirne i segreti e le leggende.

Il nostro Hotel vuole diventare il campo base per la Tua visita ad Aquileia e dintorni. La nostra posizione, privilegiata, ci vede distanti 2 minuti a piedi dalla Basilica Patriarcale e in prossimità di tutti i luoghi di interesse della città.

Il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia non dista che una cinquantina di metri dal nostro albergo, così come il Foro Romano o l'ingresso della Via Sacra.

Ti offriremo tutte le migliori soluzioni per rendere il Tuo viaggio ad Aquileia un'esperienza di scoperta unica.

I nostri Menù

Proponiamo a titolo di esempio, alcuni nostri piatti con relative ricette che possono comporre dei menù stagionali e tematici sulla base dei desiderata e delle esigenze di chi vorrà essere ospite dei Patriarchi assaporando e gustando la nostra cultura enogastronomica.

Antipasti di “grasso”

Toc’ in braide – piatto povero della cucina friulana (toc’ in friulano significa inzuppare, braide anticamente in questa terra era un sito recintato da muro o altro e destinato alla coltivazione dell’orto, del frutteto e della vigna, per cui la traduzione potrebbe essere “inzuppare nell’orto”) - cestino croccante di montasio con polentina tenera, fonduta di formaggi friulani e burro nocciolato, da servire con tocai friulano o merlot

Girello affumicato – girello di vitello cotto al forno, affumicato con ginepro, rosmarino, salvia ed altre erbe del nostro orto, tagliato a fette e adagiato su letto di insalatina mista condita con olio d'oliva e limone, da servire con pinot grigio o cabernet

Salame cotto all'aceto – piatto tipico della cucina locale - salame friulano fatto in casa tagliato a fette grossolane e scottato sulla piastra, spruzzato con aceto di vino, portato in tavola con una fetta di polenta arrostita, da servire con tocai friulano o refosco dal peduncolo rosso

Antipasti di “magro”

Scampi al pane abbrustolito su crema di borlotti – code di scampi avvolte nel lardo, coperte di pane in briciole ed aneto, maggiorana ed erba cipollina, gratinate al forno e adagiate su letto di crema di fagioli borlotti, servite con sauvignon o cabernet sauvignon
Carpaccio di pesce – filetto di pesce (scelto in base alla stagione) aromatizzato con pepe ed erbe del nostro orto, tagliato a fette sottili e adagiato su letto di insalatina mista condita con olio d’oliva e limone, da servire con pinot grigio o cabernet
Seppie al latte acido – piatto della antica cucina romana – seppie lessate e condite con una salsa a base di yogurt naturale, semi di senape, maionese, porro e sedano, da servire con riesling o merlot.

Primi di carne
Bòcuis – piatto tipico della cucina friulana – crespelle di grano tenero fatte in case e farcite con ricotta affumicata, pancetta stufata e formaggio stagionato, gratinate e condite con crema di besciamella al porro, da servire con pinot bianco o merlot.

Risotto con pitìna e primizie di stagione – (la pitìna è un arcaico prodotto delle vallate prealpine friulane a base di carne affumicata di pecora/capra/capriolo/camoscio, amalgamata a forma di polpetta con sale, pepe, erbe aromatiche di montagna e rotolata su farina di polenta gialla; le primizie si riferiscono a ciò che l'orto ed il campo garantiscono alla nostra tavola: radicchio, erbe di campo – sclopìt (erba di sileno) e urtizzôn (luppolo) - asparagi, funghi, carciofi). Le verdure a pezzetti vengono brasate lentamente assieme al riso e a metà cottura viene aggiunta la pitìna sminuzzata. Da servire con tocai friulano o cabernet franc.

Cjarsôns – piatto della tradizione carnica – pasta di patate e cannella a forma di panzerotto farcita con ricotta fresca, spinaci, pinoli, formaggio montasio, burro fuso, patate, maggiorana ed aglio, condita con burro fuso e ricotta affumicata, da servire con riesling o refosco dal peduncolo rosso.

Primi di pesce

Raviolo di pesce – pasta di grano tenero fatta in casa, ripiena di branzino o orata, sale, pepe ed erbe dell’orto, condito con salsa di brodo di pesce e basilico, da servire con malvasia o cabernet

Risotto di gamberi e guanciale di maiale – risotto con fondo di porro e guanciale stagionato, brodo e vino bianco, mantecato con gamberi sgusciati, da servire con chardonnay o cabernet sauvignon

Amatriciana di pesce spada – pasta corta fatta in casa condita con ragout a base di pesce spada affumicato, cipolla e pomodoro, da servire con pinot bianco o merlot.

Secondi di carne
Filetto di maiale in crosta di sesamo – filetto passato nel sesamo, rosolato in padella con olio d’oliva e poi cotto in forno, portato in tavola caldo e tagliato a fette grossolane con polenta e patate “in tecia”, servito con tocai friulano o refosco dal peduncolo rosso

Coscia di faraona farcita – coscia cotta al forno con la parte superiore disossata, battuta e farcita con funghi e pancetta, bagnata e condita con il fondo di cottura, portata in tavola calda con polenta e carote (o zucchine) saltate, da servire con pinot grigio o cabernet franc

Tagliata di pollo in salsa piccante – tagliata del petto cotta alla piastra e condita con salsa a base di cipolla, pomodoro e peperoncino, portata in tavola con crudità di verdure secondo la stagione, servita con sauvignon o cabernet sauvignon.

Secondi di pesce

Bocconcini di coda di rospo alle verdure di stagione – coda di rospo e verdure secondo la stagione (asparagi, carciofi, radicchio) tagliati a pezzetti e saltati in padella, rosolati e cotti lentamente, portati in tavola con insalata cruda secondo la stagione, serviti con riesling o merlot

Boreto di rombo – ricetta della tradizione dei pescatori di Grado – tranci di rombo fresco salati, pepati e cotti in olio e aglio fumanti, rosolati, cotti bagnandoli con aceto di vino, portati in tavola con polenta morbida, da servire con tocai o refosco dal peduncolo rosso

Filetto di pesce in crosta di grissini – filetto di pesce (scelto in base alla stagione) impanato con farina, uova e grissini in briciole, fritto e portato in tavola con salsa al “gazpacho” (verdure crude frullate), da servire con sauvignon o cabernet sauvignon.

Patisserie

Un fiore all’occhiello della nostra cucina è la produzione dei dolci per la conclusione dei pasti e dei convivi dei nostri ospiti.
Prepariamo vari tipi di torte, strudel e mousse fra cui segnaliamo:

Sacher Torte - Strudel di mele - Mousse di ricotta

Le Camere e la richiesta di disponibilità

L'Hotel, censito come locale storico dalla Regione Friuli Venezia Giulia, è collocato in una posizione strategica lungo la via Julia Augusta a pochi metri dalla Basilica Patriarcale: dalle sue 23 camere, con 54 posti letto complessivi, si può godere della veduta del complesso della basilica e dell'imponente campanile edificato nel 1031 dal patriarca Popone, oltre che degli scavi archeologici con i resti di case e di mercati di epoca romana.

Le camere, arredate in uno stile sobrio e funzionale, sono tutte servite di ampi wc/doccia privati, tv-color, telefono, minibar e wi-fi gratuito illimitato.

Cerchi qualcosa di più intimo e chic? Ti proponiamo la nostra Suite. Una residenza in miniatura con un atrio di ingresso ideale a creare riserbo e intimità, due ampie stanze da letto e servizi igienici ampi ed eleganti.

Patriarchi booking online

I prezzi si intendono per persona a notte

Tipologia - trattamento Bed&Breakfast Half Board*
Camera singola € 52,00 € 70,00
Camera DUS (doppia uso singola) € 65,00 € 83,00
Camera doppia/Matrimoniale fronte Scavi € 40,00/persona € 62,00/persona
Camera doppia/Matrimoniale fronte Basilica € 44,00/persona € 62,00/persona
Camera tripla € 36,00/persona € 54,00/persona
Camera quadrupla € 32,00/persona € 50,00/persona
- Prezzi a persona
- Bambini fino a 10 anni 30% di sconto
- Pet friendly, supplemento € 5,00 ad animale
* Bevande escluse

Richiesta disponibilità

captcha

Matrimoni

Il Matrimonio è, certamente, il giorno più felice ed importante per due innamorati. Scegliete di trascorrere il Vostro ricevimento da Noi. L'ampia sala dei banchetti, che può ospitare fino a 280 persone, si caratterizza per intimità e calore. La cornice di Aquileia con l'orizzonte dominato dal campanile della maestosa Basilica Patriarcale eleveranno la vostra esperienza a sogno.

Scaricabili in PdF troverete le nostre proposte per i menù di Nozze (scaricabile in PDF)

Inaugura al Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, sabato 8 giugno, la mostra “Magnifici Ritorni. Tesori aquileiesi dal Kunsthistorisches Museum di Vienna” organizzata dalla Fondazione Aquileia, dal Polo Museale del Friuli Venezia Giulia e dal Kunsthistorisches Museum di Vienna con il patrocinio del Comune di Aquileia e in collaborazione con Fondazione So.co.Ba per celebrare i 2200 dalla fondazione dell’antica città romana.

Aquileia...

Colonia romana fondata nel 181 a.C., fu capitale della X regione augustea e metropoli della chiesa cristiana. Insieme con Ravenna e Brescia è il più importante sito archeologico dell'Italia settentrionale, e con Cividale del Friuli e Udine è stata una delle capitali storiche del Friuli. (fonte Wikipedia)

... e Dintorni

Trieste

Collocata fra la penisola italiana e l'Istria, distante qualche chilometro dal confine con la Slovenia nella regione storica della Venezia Giulia[2]. Rappresenta da secoli un ponte tra l'Europa occidentale e quella centro-meridionale, mescolando caratteri mediterranei, mitteleuropei e slavi. (fonte Wikipedia)

Grado

È un importante centro turistico e termale, noto anche come l'Isola del Sole e, per la sua particolare storia, la Prima Venezia. In epoca romana la città, fu il porto a servizio di Aquileia e Castrum. All'epoca il territorio di Grado era attraversato da un'importante strada romana, la via Gallica. (fonte Wikipedia)

Palmanova

Palmanova (Palme in friulano) è un comune italiano di 5 378 abitanti in Friuli-Venezia Giulia. Città fortezza pianificata dai veneziani nel 1593, è chiamata la "città stellata" per la sua pianta poligonale a stella con 9 punte. (fonte Wikipedia)

Il Collio

Il Collio (Cuei in friulano, Brda in sloveno) è un'area geografica collinare della Venezia Giulia, divisa tra Italia (provincia di Gorizia) e Slovenia (Goriziano), che si estende tra il fiume Isonzo ed il suo affluente di destra, fiume Iudrio, delimitata a sud dalla pianura friulana e a nord dalle frazioni di Mernico.(fonte Wikipedia)

Hotel Patriarchi

Via G.Augusta, 12 - 33051 Aquileia (Ud) - Italy

Tel. +39 (0)431 919595 - 91036  - fax +39 (0)431 919596

E-Mail : info@hotelpatriarchi.it

Dove siamo

MA INVEST SAS

VIA GIULIA AUGUSTA 12 - 33051 AQUILEIA (UD) - Italy tel. +39 (0)431 919595 - 91036 - fax +39 (0)431 919596
E-Mail : info@hotelpatriarchi.it - Partita I.V.A: 01472330305 -  Privacy Policy - Cookie Policy